lunedì 28 novembre 2011

ERBICIDA NATURALE: un progetto italiano

Il progetto ECOVIA si propone di sviluppare ed avviare la produzione di un nuovo erbicida di origine naturale per il controllo della vegetazione infestante. Questo prodotto potrebbe permettere di sostituire o affiancare prodotti attualmente utilizzati, diminuendo l’impatto sull’ambiente.

Un team completamente italiano si sta impegnando nell’attività di ricerca e sperimentazione.
Alcuni fra le principali istituzioni italiane di ricerca  (ENEA, CNR, Università di Milano Bicocca e Università di Napoli Federico II) insieme con il Comune di Alzano Lombardo (BG) e l’Azienda Scarpellini, condividono competenze ed esperienze e collaborano tra di loro per sviluppare un nuovo prodotto erbicida che possa essere efficacemente impiegato per la gestione delle infestanti in ambienti urbani ed extra-agricoli in genere.


In ogni ecosistema popolato da piante, macro e microrganismi vi sono continue interazioni fra tali organismi, molto spesso di natura bio-chimica.
Fra i vari segnali, particolarmente interessanti sono quelli che intervengono nelle interazioni fra una specie vegetale ed un microorganismo fitopatogeno agente di malattia (ad esempio un fungo microscopico, come nel caso studiato nel presente progetto).

Il progetto di ricerca e sviluppo industriale di Ecovia vuole sviluppare ed avviare a produzione un nuovo erbicida di origine naturale per il controllo della vegetazione infestante, già individuato nelle sue componenti attive. Questo prodotto permetterà di sostituire o affiancare prodotti di sintesi attualmente utilizzati, diminuendo l’impatto sull’ambiente.

http://www.ecovia.net/

mercoledì 23 novembre 2011

10 ANNI DI FSC IN ITALIA

Nel 2011 il Gruppo FSC-Italia compie dieci anni i festeggiamenti si terranno venerdì 16 dicembre 2011 a Padova,  in fortunata concomitanza con l’iniziava ufficiale del Comune di Padova per l’Anno internazionale delle foreste.

Il marchio FSC identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici.

Programma:

Prima parte - riservata a soci, aziende certificate, enti di certificazione, consulenti e ospiti su invito o previa segnalazione alla Segreteria
[presso Palazzo Moroni, Via del Municipio 1]

17:30 - 18:00 Caffè equo&solidale di benvenuto
18:00 - 18:10 Saluti istituzionali e introduzione
18:10 - 18:45 10 anni di FSC: numeri, successi, ringraziamenti
18:45 - 19:00 Il futuro di FSC: presentazione delle attività per il 2012
19:00 - 19:15 Presentazione di ETIFOR srl, spin-off dell’Università di Padova e di FSC-Italia
19:15 - 20:00 Stand informativi
20:00 - 21:00 Buffet

Seconda parte - aperta a tutti
[presso il Teatro Ruzante – Università di Padova, Riviera Tito Livio, 45]

21:00 - 21:30 Perché l’Anno Internazionale delle Foreste? (momento divulgativo con il coinvolgimento della Facoltà di Agraria dell’Università di Padova e del Comune)
21:30 - 23:00 Spettacolo teatrale ”Alberi” (realizzato dalla compagnia “La Piccionaia” di Vicenza, ispirato a testi di Mauro Corona)

Paysalia per professionisti, amanti del paesaggio e del giardino a Lione

Il 6-7-8 dicembre 2011a EUROEXPO LIONE (FRANCIA) c'è fiera che riunisce tutti i professionale del settore del paesaggio.

300 espositori internazionali, che partecipano alla progettazione, creazione e manutenzione del verde.

Scopri di più su http://www.paysalia.com/

lunedì 21 novembre 2011

PLANTABLE



Un tavolo speciale, ai piedi vengono piantate piante rampicanti...
Il giardino si trasferisce in casa "e prende piede"...







Info: JAIL


martedì 15 novembre 2011

Un pollaio da giardino

Due creativi inglesi, Matthew Hayward e Nadia Turan, hanno creato "The Nogg", una casetta per galline alternativa, a forma di uovo, simpatica e funzionale.


The Nogg, assolutamente ecologica, è realizzata in cedro, una qualità di legno che oltre ad avere proprietà antibatteriche, ha un inconfondibile profumo. Inoltre il legno usato è prodotto in modo sostenibile.


La struttura, moderna e funzionale nell'insieme, ha poi una porticina in acciaio inossidabile e nella parte superiore, una cupola in vetro rialzata per far passare il cibo.

The nogg is a modern chicken coop in the shape of an egg. It has been designed sculpturally to enhance and compliment it's surroundings. The nogg houses from 2-4 chickens, is fox proof, made from a sustainable and durable cedar wood and has been
crafted by hand in the UK. The nogg transcends ideas of what a chicken house usually looks like. It is designed to encourage domestic farming while adding a touch of playful elegance. The nogg sits beautifully in any garden, urban or rural environment aiding and advocating the provenance of homegrown foods. Domestic chicken keeping has become a huge trend which is a great testament to their personalities as well as providing the freshest of breakfasts!


lunedì 14 novembre 2011

Sun 2011 PARKGREEN

Al SUN di Rimini di quest'anno ho conosciuto una delle ideatrici di PARKGREEN Silvia Petrini (architetto), che assieme alle colleghe Laura Feliciani e Elise Le Duc hanno sviluppato questo progetto per il concorso Sun.Lab.

"Un salto nel futuro. Un’utopia che guarda lontano. Un parcheggio che si fa giardino. Un giardino che si instaura tra i passanti. Uno spazio verde nella città." Lo descrivono così il loro giardino davvero speciale..

PARKGREEN è un giardino come tanti, un giardino alla portata di tutti e soprattutto un giardino che s’iscrive in una visione utopica della città . Tutti gli elementi che fanno di uno spazio, un vero giardino, sono presenti: una superficie, un terreno, un luogo tranquillo, accogliente, verde e fiorito. Un vero e proprio giardino nel cuore della città, tra una strada e un marciapiede.
Tra l’idea e il sogno di tutte le persone di avere un giardino, un’utopia nasce: quello che un tempo “era” chiamato parcheggio, diviene “oggi” uno spazio pubblico verde.






Parkgreen is a utopian and hopeful vision o fan imminent future: looking ahead towards the end of this century, it raises a hypothesis about a city where car use is reduced day by day. Parkgreen aims to provide another vision for the use of parking spaces, giving the city new green horizons.
“Dreamer’s garden”. Lie down, close your eyes, listen to the whisper of the wind in the leaves, detach yourself from the bustle of the street for a while… and then go to another place.
Il giardino dei sognatori”. Allungarsi, chiudere gli occhi, ascoltare il rumore del vento tra le foglie, staccarsi per qualche istante dalla frenetica città… e poi andarsene...

Conttato: ekp2088@gmail.com

Pagina facebook: Pensare in Verde
Un'idea giovane, creata da ragazze giovani che merita attenzione e complimenti!!!

Termino l'articolo di oggi con una frase:

"Uscire dalla città, a piedi, è faticosissimo. T'investe la lava bollente del brutto, del rumore, strade sopra strade, tremendi ponti di ferro, treni, camion, Tir, corsie con sbarramenti, impraticabili autostrade, un vero teatro di guerra." Guido Ceronetti, Viaggio in Italia,1983 

Ma noi che lavoriamo nel mondo del verde vogliamo rendere più piacevole la vità in città, porre fine a questo teatro di guerra, e creare nuovi spazi verdi, nuovi angoli fioriti...

Seguitemi anche su facebook per essere sempre aggiornati cercate Landscape Design

venerdì 11 novembre 2011

High Line New York

What is the High Line?

The High Line is a public park built on a 1.45-mile-long elevated rail structure running from Gansevoort Street to West 34th Street on Manhattan's West Side.

What was it used for?

The High Line was a freight rail line, in operation from 1934 to 1980. It carried meat to the meatpacking district, agricultural goods to the factories and warehouses of the industrial West Side, and mail to the Post Office.

Who owns the High Line?



The High Line, south of West 30th Street, is owned by the City of New York and is under the jurisdiction of the Department of Parks & Recreation. It was donated to the City by CSX Transportation, Inc. which still owns the northernmost section (West 30th Street - West 34th Street).

The land beneath the High Line is owned in parcels by New York State, New York City, and more than 20 private property owners.





 
Cinque anni sono passati e in questi mesi anche la Sezione2 del parco, che percorre dieci isolati dalla 20th Street alla 30th Street, ha aperto le porte alla cittadinanza: un percorso multiforme con boschi, ampi prati soleggiati, molte panchine dove sedersi e mangiare qualcosa e una passerella a grata su cui camminare osservando la città sotto ai piedi. Ma sulla High Line non c’è solo natura; qui fiorisce ogni genere di iniziativa culturale e commerciale. C’è un anfiteatro per le rappresentazioni teatrali e le proiezioni cinematografiche, spazi per l’esposizione di opere d’arte, negozi, gelaterie, bar, artisti di strada e molto altro.
Questo non fa che dimostrare come la natura aiuti l’uomo a ritrovare una dimensione di armonia e condivisione. Noi, dal nostro canto, non possiamo fare altro che aiutare la natura. E aiuteremo noi stessi.

The high line

tuttogreen

mercoledì 9 novembre 2011

Sono 421 gli orti nelle scuole italiane

Articolo del corriere della sera.




MILANO - L’orto come materia scolastica, la zappa al posto del quaderno. San Martino, 11 novembre, segna la fine dell’anno agricolo, la messa a riposo degli orti, e anche, da qualche anno, la festa degli oltre 400 Orti in condotta disseminati nelle scuole italiane che hanno aderito al progetto di Slow Food: la cultura dell’orto insegnata ai bambini. Il primo School Garden di Slow Food è nato in California una quindicina d’anni fa, mentre il progetto Orto in condotta, tutto italiano, è nato nel 2004: attualmente gli orti scolastici censiti sono 421, e 93 sono condotti da Slow Food, che insieme alle scuole ne ha fatto uno strumento di attività educativa alimentare e ambientale, una vera e propria rete agricolo-scolastica che coinvolge alunni, insegnanti, genitori, nonni, produttori.

LA RETE - Nel 2009 la rete si è allargata a dodici scuole in dieci Paesi europei (Belgio, Bulgaria, Francia, Irlanda, Polonia, Regno Unito, Irlanda del Nord, Romania, Spagna) che lavorano sulle mense e in parallelo sull'educazione alimentare, spesso attraverso l'orto, come succede nella scuola belga di Hovs. Quindi da realtà che sembrava destinata a scomparire dalle città, l’orto torna con prepotenza a manifestarsi: sui tetti, nei cortili delle scuole, nei parchi urbani, abusivo. L’11-11-11, data quanto mai palindroma, la quarta edizione della festa dell’Orto in condotta prevede una grande merenda, ovviamente alternativa ai modelli confezionati pubblicizzati in tivù. L’«evento», cioè una degustazione di pane e olio, coinvolgerà la rete nazionale di Orti in condotta, da San Vito dei Normanni, dove l’orto della primaria Madre Teresa di Calcutta si è arricchito di una compostiera costruita dai trenta alunni che si occupano degli ortaggi, a Livorno dove il progetto ha al suo attivo ormai undici scuole, sino agli istituti di Ipplis, Udine e Monfalcone, dove i ragazzi hanno seminato varietà antiche di grano, e con la farina ricavata hanno cotto il pane.

IN AFRICA - E così mentre da noi nel giorno di san Martino, noto per aver diviso il suo mantello in due e averne donato metà a un mendicante infreddolito, si prepara la merenda orticola che prevede anche un percorso didattico sui cereali con coinvolgimento delle comunità presenti sul territorio per avviare una rete di contatti che genereranno racconti, ricette, visite in azienda, il progetto degli orti scolastici si sta espandendo in tutto il mondo. È un modello che Slow Food ha portato anche in Africa, dal Senegal alla Costa d'Avorio, gli orti contribuiscono a sfamare i bambini con cibo locale e sano. In Uganda – dove il 57% della popolazione soffre per carenze alimentari e il 45% per carenza d’acqua - il progetto convivium Slow Food di Mukuno coinvolge 17 scuole e offre a oltre 620 studenti la possibilità di conoscere e coltivare i prodotti locali che vengono poi cucinati nella mensa scolastica. Un commento di Nalweyiso Jovia, studente della scuola elementare St.Andrew: «Oggi ho assaggiato per la prima volta l’uva spina e ho deciso che a casa mia coltiverò un orto ancora più grande di quello che c’è a scuola».

lunedì 7 novembre 2011

"NATURALMENTE IN EQUILIBRIO"

Cari lettori,
vi annuncio che a breve ci saranno nuove collaborazioni ad arricchire il blog LANDSCAPE DESIGN, aprirà una nuova rubrica dedicata alla nostra salute e al nostro benessere correlato alla natura, tanti consigli utili, tante novità...
La rubrica "NATURALMENTE IN EQUILIBRIO", sarà ricca e curiosa, scritta dalla Dott.ssa Ilaria Giavara laureata in Scienze e Tecnologie dei Prodotti erboristici, cosmetici e dietetici all'Università degli studi di Ferrara.

Seguiteci...a breve tutte le novità!


venerdì 4 novembre 2011

Giornata nazionale dell'albero 21 Novembre 2011

Gli alberi hanno ricoperto per molti secoli gran parte delle terre emerse. L’uomo per secoli ha usufruito delle ricchezze che il bosco fornisce per riscaldarsi, per costruire case e attrezzi, per navigare, insomma, l’albero è certamente un elemento fondamentale della società dell’uomo. Per questo l’albero è diventato un insieme di simboli, di valori storici, religiosi antropologici e ambientali, ha ispirato l’arte, la religione, il mito.

Seconda edizione della Giornata Nazionale dell’Albero che il Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con l’ANCI e d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, celebra su tutto il territorio nazionale il prossimo 21 novembre. L’obiettivo della Giornata dell’Albero è sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano per la tutela della biodiversità, il contrasto ai cambiamenti climatici e la prevenzione del dissesto idrogeologico. Per raggiungere questo obiettivo si è scelto il modo più semplice e diretto: ogni Comune che aderisce all’iniziativa metterà a dimora un numero di alberi proporzionale ai propri nati che il Ministero dell’Ambiente, grazie alla collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato e con le Regioni, metterà a disposizione, alcuni giorni prima del 21 novembre. La piantumazione dovrà essere possibilmente effettuata, in terreni che abbiano un particolare valore sotto il profilo del tema prescelto: la storia d’Italia attraverso gli alberi e i boschi come testimoni di memorie e avvenimenti storici in occasione del 150° dell’Unità d’Italia.



mercoledì 2 novembre 2011

4 Novembre 2011 Prima Giornata Nazionale del Guerrilla Gardening Italiano

Il Guerrilla Gardening è un movimento (diffuso in tutto il pianeta) i cui attivisti praticano una sorta di giardinaggio politico, trasformando in aiuole fiorite e angoli verdi le aree degradate e abbandonate della città.

Tutti i gruppi di Guerrilla Gardening italiani realizzeranno un attacco verde, ognuno nella propria città o regione,  dando vita al primo attacco nazionale sincronizzato di guerrilla gardening!

 L’azione può essere effettuata tra venerdì 4 e domenica 6 novembre...
Organizzatevi e date vita anche voi al vostro attacco verde!!!!